media

Semper adamas - Sempre adamantino, forte come il Diamante. 

Questo il motto di Gabriele D’Annunzio.


I diamanti sono da sempre conosciute come le più pietre preziose e dure al mondo di origine naturale. Questi, infatti, non sono tutti uguali bensì vengono classificati in base alle quattro caratteristiche (4C):

  • Carat (peso)
  • Colour (colore)
  • Clarity (purezza)
  • Cut (taglio)


PESO

Spesso, la caratura viene erroneamente confusa con la grandezza della pietra ma il Carat Weight rappresenta il peso del diamante: 1 carato equivale a 0,2 grammi. 


COLORE

Questo fa riferimento proprio alla colorazione della pietra, e vengono classificati su una scala base stabilita dal Gemological Institute of America (GIA): i colori vengono classificati in base alle lettere partendo dalla lettera D fino ad arrivare alla lettera Z:

D rappresenta la pietra perfettamente incolore e sono le più rare e preziose;

E rappresenta un colorito bianco eccezionale;

F rappresenta il bianco extra +;

G rappresenta il bianco extra;

H appresenta il bianco;

I-J appresentano un bianco leggermente colorito;

K-L appresentano un bianco colorito;

M-N-O-P-R-S-Z appresentano una pietra colorita.


PUREZZA

La purezza del diamante rappresenta il livello di grandezza e di impurità che contiene e che si sono formate durante la loro formazione nel sottosuolo.

Per poter verificare l’entità di queste inclusioni è opportuno ricorrere all’utilizzo di una lente di ingrandimento, in modo da poter visualizzare accuratamente il diamante in tutte le sue sfaccettature.

Rarissimi sono i diamanti che presentano una formazione perfetta, questo li contraddistingue come pietre estremamente pregiate, non a caso maggiore è la purezza del diamante, maggiore è la luminosità, il valore e la rarità della pietra.


TAGLIO

Questo è un parametro che viene stabilito artificialmente dall’uomo. 

Il taglio fa riferimento alla forma data e alle sfaccettature che mostra la pietra. Quest’ultime fanno si che la luce venga riflessa internamente per poi essere specchiata e riflessa. 

Per quanto concerne la forma diversi sono gli aspetti che la pietra può assumere: tondo, goccia, ovale, cuore, smeraldo, princess, asscher, trillion, radiant, marquise, baguette. 

Molto spesso, però, si confonde il diamante con il brillante. Il brillante è un tipo di taglio che mostra 57 faccette, permettendo così la migliore lucentezza.


Il pregio di questa pietra minerale, quindi, varia a seconda delle sue caratteristiche, anche se i diamanti più grandi sono i più rari in natura, il che li colloco in cima alla piramide di qualità dei diamanti. 

Comments: 0

No comments

Leave a Reply

Your email address cannot be published. Required fields are marked*